Archivio | giugno, 2012

Ricchezza del dettaglio …

30 Giu

Ludovica Ferrari

Annunci

Il futuro sta arrivando , ma serve il passato

29 Giu

Luke Day , style’s Fashion Director di CQ, veste la band britannica : Take That. Annunica la collaborazione con i 5 bad boys proprio quando tutti decidono di fare le cose in grande sia con il loro album ( The Progress) e sia con il loro mega tour. Lo stile adottato da Luke è vario e questo dimostra lo studio e l’applicazione dell’intero comparto dei costumisti , che è stato meticoloso e vincente . Video di partenza è stato l’anno scorso ” The Kids” . Da Vivienne Westwood a J. Galliano , fino a Adam Ant , la band ha indossato capi insoliti. Come è possibile osservare dal video musicale , quello che è stato creato è un mix tra nomadismo e futurismo. I personaggi : Gary , Mark, Robbie , Haward e Jason rappresentano valorosi cavalieri / centurioni che dopo aver saccheggiato l’intero pianeta sostano per breve tempo su un territorio a loro sconosciuto , forse gli USA, atterando con una gigantesca astronave che ha il sapore del nuovo millennio. Loro esprimono questo lato trasandato,mentre quello che gli si presenta è del tutto nuovo ! Descrivendo il loro abbigliamento , si nota un passaggio netto dall’epoca quasi ellenica , fino a
quella ottocentesca. Con Mark si apre la storia del mantello e del cappuccio , probabilemte inbottito e startificato. Haward da vero condottiero esibisce un thorex , struttura metallica indossata dai centurioni durante la guerra per proteggere il torace.Per il resto del gruppo : Gary ha un outfit by Adam Ant, tessuto operato , struttura simile alla redingote a falde alte . Robbie mostra i suoi 187 cm di altezza grazie ad una divisa da condottiero fatta a rete e maglie di acciaio. In conclusione c’è Jason che con la sua barba incolta e l’occhialino stile Cavur indossa frac , camicia con jabot e modesto gilet. La miscela di stili può essere insensata , ma è fuori dubbio che il ripristino di stili e tendenze ,a noi lontane o forse sconosciute ,sono un’arte .  E l’arte e sinonimo di professionalità , impegno e disciplina.
 Santoro R.

ITALIANS DO IT BETTER- la riscossa dell’ITALIAN STYLE

29 Giu

Il mondo riscopre la bellezza e la qualità dell’Italian style. Eleganza, stile e tradizione da sempre riconosciute come caratteristiche del Made in Italy, tornano a far parlare la stampa internazionale. E c’e` da crederci se anche Suzy Menkes, famosa per aver riempito le cronache di moda con commenti poco lusinghieri nei confronti dei marchi nostrani, in un articolo apparso sul The New York Times nel Gennaio scorso, e` tornata a lodare il know-how italiano. Come rileva Il Sole 24 ore, paesi come Cina e Russia non nascondono la loro passione per il Made in Italy, dove in particolare, la moda, e` motore trainante della riscossa italiana. Pare dunque che l’artigianalità, lo stile contemporaneo e l’estro creativo del Bel paese, facciano vendere. Non e` un caso quindi che, alcuni famosi marchi italiani, abbiano recentemente “farcito” le loro campagne pubblicitarie di Italian style. Ne e` un esempio l’advertising P/e 2012 di Dolce e Gabbana, che utilizza tutti gli elementi che hanno reso celebre il nostro paese (e questo marchio) nel mondo; sole, mare, vitalità e un tocco di Dolce vita, il tutto esaltato da due madrine nostrane: Bianca Balti e Monica Bellucci. E che dire delle fotografie che Juergen Teller ha realizzato per l’ultima campagna di Moschino, in cui dietro alle pose plastiche delle modelle fanno bella mostra di sé il Colosseo, il Duomo di Milano e una vecchia 500 Fiat (che insieme alla celeberrima Vespa, e` senza dubbio uno dei più famosi simboli del nostro stile nel mondo).In definitiva, far leva su ciò che ci rende unici pare essere una valida strada da seguire e la moda, come e` già accaduto in passato, sembra essersene accorta per prima.

Fonte : http://www.dolcegabbana.it/

http://www.moschino.it/

http://www.ilsole24ore.com/

 Lombardini Valentina

Etnico e deciso : i colori del momento

29 Giu

Ludovica Ferrari

La “Rivincita” del Dandy

29 Giu

Per chiunque fosse ancora un convinto sostenitore della “grande rinuncia” dell’uomo nei confronti della moda , dovrebbe dare un’occhiata alla sfilata di moda maschile che si è tenuta in questi giorni al Pitti di Firenze. Venti di cambiamento stanno soffiando sulle passerelle degli ultimi anni. Ormai da troppo tempo l’eleganza maschile è associata a forme statiche che relegano l’uomo ad una posizione subalterna rispetto alla donna nell’universo del fashion. Se la semplicità e i colori scuri hanno contraddistinto la divisa borghese dell’uomo nel ventesimo secolo, nuove tendenze stanno spopolando nella moda maschile degli ultimi tempi. I migliori interpreti di questo nuovo stile che ha catturato l’attenzione dei compratori al Pitti 2013 sono stati Andrea Pompilio e Henry Guillaime. Entrambi gli stilisti affermano di ispirarsi ad uno stile “normale” che non si distacca molto dai canoni classici della moda maschile, ma la variegata gamma di colori utilizzati unita a dettagli eccentrici, ci fa ipotizzare ad una variazione di rotta che sta mutando l’immagine dell’uomo del terzo millennio. Si tratta di una vera e propria “Rivincita” del Dandy.

Ora quello che rimane da chiederci e se sarà soltanto una nuova moda passeggera o se siamo di fronte ad una svolta epocale dell’estetica maschile. Sicuramente il momento che stiamo vivendo è molto delicato, ma dopo quasi due secoli d’ombra, questi cambiamenti potrebbero riportare la figura dell’uomo in una posizione di primo piano nel fashion system.

Con riferimento all’articolo di D-Repubblica vedi link sotto:

 http://temi.repubblica.it/d-speciale-pitti-immagine-2013/2012/06/22/il-dandy-della-porta-accanto/

Alberto Fiorani

Take That : imperativo di eleganza anglosassone

28 Giu

I Take that sono la storia dei primi anni 90. Gruppo pop, tutto britannico che fa impazzire le ragazze di quegli anni. Non serve raccontare la loro storia e/o  vicenda musicale, presente sul web e in ogni sito , ma è interessante almeno  descivere la loro dedizione e cura del dettaglio. Tutto questo è ampiamente visibile però sul web in quanto sono reperibili molti video e notizie indiscrete riguardo l’allestimento dei loro mega concerti ed anche la preparazione dei loro costumi. Per ora voglio solo proporvi un video che al di la del testo, discutibile o meno, è di estrema attualità. Si proietta nel futuro e nei valori che vorremmo tanto in questa prossima era: l’amore. Da questa rappresentazione si ammira la lucentezza dei loro sobri ma impeccabili completi neri. E’ solo un anticipo, per dire che i Take That stanno arrivando con il loro stile!

 Roberta Santoro

Mifur, le nuove proposte.

28 Giu

La grande fiera della Pelle e Pelliccia quest’ anno (marzo)  ha esposto capi, modelli e stili nuovi oltre che stravaganti. Sono state presentate pellicce super costose: dallo zibellino al chinchilla. Coloratissime mongolie che tornano dopo tanto tempo non solo come semplici bordure ma in cappottini larghi e con grosse spalle. La strategia adottata dai grandi rivenditori, espositori e stilisti si chiama LUSSO E AZZARDO. I temi centrali , messi in atto da queste nuove proposte per il prossimo inverno, sono stile, artigianato e ricerca dei materiali. Come parallelo a questo “rich fur” si posiziona la pelliccia economica, semplice, duttile, versatile e con varie interpretazioni. Molto usato è il Lapin che ora con moderne stampe riesce ad entrare in un gran mercato, fatto di varietà, risparmio e utilità! Insomma per l’inverno che verrà non bisogna temere il peggio, perchè come in ogni settore si riesce a trovare tutto per ogni esigenza, occasione e soprattutto portafogli!

fonte: http://www.mifur.com/index.asp?id=MzktMzM1LXotSVRB

 Roberta Santoro