Shiny night

16 Giu

E’ una piacevole serata d’estate, il vento soffia tra le foglie e rinfresca il salotto oltrepassando gentile, ma con fare deciso la fessura della finestra socchiusa. Lo schermo della televisione mi propone immagini più o meno interessanti e, sudata comodamente sul sofà, mi diletto ad allenare il pollice saltando da un canale all’altro finché il mio sguardo si posa su queste magiche parole “ Coco Avant Chanel – L’amore prima del mito”. Come avrete capito la mia serata è trascorsa piacevolmente in compagnia di Chanel e, al di là della trama del film che si concentra sulla storia d’amore tra Coco e Arthur Boy Capel, è sorta in me la curiosità di scoprire qualcosa di più sulla storia di questa straordinaria donna, celebre stilista francese, tra le prime, se non la prima, ad imporsi sul mercato della moda facendo concorrenza ai suoi colleghi maschi. Si narra , e lo stesso film lo lascia più volte intuire, che Coco volesse diventare una donna indipendente oltrepassando i limiti imposti dalla società. Una società ancora fortemente impregnata di una mentalità che vedeva la donna relegata al ruolo di moglie e/o amante, succube dell’uomo. Questa sua voglia di libertà si riflette nella sua creatività tanto che la rivista Vogue, nel 1926, la elogia affermando che “ Coco Chanel ha creato la nuova uniforme della donna moderna”.Non si sposò mai, ma ebbe diversi amanti ciascuno dei quali fu fondamentale per la carriera della donna poiché da alcuni di loro fu aiutata economicamente mentre da altri trovò ispirazione per nuove collezioni. Coco Chanel è, nel bene e nel male, il perfetto esempio di donna emancipata ed indipendente, che ha saputo affrontare la vita nonostante i numerosi lutti e difficoltà. Realizzando dapprima capellini, poi capi di vestiario, espandendosi anche nel campo dei profumi, negli anni ‘ 30 Chanel si dedica alla realizzazione di gioielli. Fino a quel momento la stilista aveva proposto pezzi di bigiotteria, ma a partire dal 1932 presenta alla sua clientela gioielli veri.Al centro della sua prima collezione, “Bijoux de diamants”, vi è il diamante, eterno ed inalterabile. “Se ho scelto il diamante, è perchè rappresenta il valore più grande nel volume più piccolo”, così amava dire Coco. Non le si può dar torto poichè da sempre il diamante è stato associato all’amore in quanto suggella una promessa ed è prezioso tanto quanto una donna, in onore alle mie compagne grazie alle quali è stato possibile realizzare questo progetto.

Chiara Rovinetti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: