Cent’anni di Perfecto

3 Ago

Perfecto, black leather jacket, ”Chiodo” in Italia: si tratta della giacca di pelle ideata da nel 1913 da Irvin e Jack Schott, figli di emigrati russi, inizialmente produttori di impermeabili venduti porta a porta nella Lowest East Side di Manhattan. Irvin Schott le dà il nome dei suoi sigari preferiti: i “Perfecto”, appunto, ed è il primo a progettare una giacca con cerniera. Fin da subito la giacca di pelle si configura come emblema di subculture come quella dei bikers:  resistente e duratura, essa si fa simbolo dell’eccitamento, dell’ avventura, del pericolo incarnati dalla stessa motocicletta. Durante la Seconda Guerra mondiale al tradizionale modello avvitato e con maniche affusolate si aggiunge la “bomber  jacket”, di pelle e lana, utilizzata dai soldati americani che combattono in Europa e Asia.Dopo la guerra, negli anni ’50, il giubotto di pelle è legato alla cultura Rockabilly e al Rock’n’roll e la sua fortuna è connessa all’uscita del film “Il Selvaggio”, interpretato da Marlon Brando. Nel film il giovane attore non toglie mai il suo Perfecto, simbolo dello spirito di ribellione giovanile dell’epoca, personalizzato con cintura in vita e sul retro le lettere BRMC (Black Rebel Motocycle Club) e un teschio sottostante.Nel ’55 l’attore James Dean muore in un incidente in moto indossando una giacca di pelle e l’indumento viene caricato di significati negativi, e addirittura bandito nelle scuole perché associato a gruppi di giovani teppisti come gli Hooligans. Abbandonato dagli Hippies degli anni ’70, il Perfecto torna alla ribalta nell’ambito delle subculture con il Punk Rock e rockstars come i Blondies, i Sex Pistols o i Ramones. Un’ondata di ribellione pervade la New York underground del CBGB mentre al Perfecto vengono applicate sempre più toppe e borchie: da qui il nome “Chiodo” con cui è popolare in Italia. Da allora il suo uso si espande da un immaginario di ribelli, rockers e bikers per raggiungere la cultura di massa, con la sostituzione della pelle di cavallo con quella di vitello. Perde l’aggressività con cui ha esordito e che ne ha fatto un vero e proprio emblema per diventare un capo glamour: alleggerito dalla nappa, borchiato, elegante o “futuristico”, viene reintepretato ormai in qualsiasi variante di colore, prezzo, materiale e dettaglio anche da stilisti di Alta Moda.

Schott NYC Official Website:   http://www.schottnyc.com/

Giorgia O. Onifade

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: